mercoledì 17 ottobre 2018
Testata Turismo Parma Paganini Congressi Archivio Foto Homepage www.comune.parma.it Emilia romagna turismo

Strumenti personali

Antelami Benedetto

Parma - PR
Descrizione:

Scultore e architetto (XII-XIII secolo)

Esempi dell'opera del grande maestro sono visibili all'interno della Cattedrale e del Battistero di Parma.

Originario della Via d'Intelvi ed esponente dell'officina degli Antelami, prima di giungere a Parma lavorò a Genova, nella cattedrale di San Lorenzo e compì un viaggio nell'Ile-de-France, dove conobbe l'iconografia della cattedrale di Chartres. 
Fu attivo a Parma tra il 1178-1200. Il suo intervento nella Cattedrale si limitò al rifacimento della copertura, all'inserimento della scala mediana e all'esecuzione di un pulpito, in origine retto da quattro leoni. I temi che Benedetto vi scolpisce sono la Majestas Domini, la Deposizione e forse l'Ultima cena.

Di questo complesso, distrutto nel 1566 dall'intervento di Girolamo Bedoli Mazzola, sono reimpiegati due leoni per la facciata, lastre del pontile per il pavimento e il pulpito antelamico. La Deposizione viene murata nella parete del transetto superiore destro: la rappresentazione della Pietas, che muove dalla cultura gotica, qui è superata dall'evocazione della statuaria antica dell'età postaugustea e dall'immagine aulica evidente nelle pieghe aderenti e sottili, nei moti calibrati e nella rigorosa geometria compositiva.

Agli inizi degli anni ottanta Benedetto eseguì il progetto per la facciata della Cattedrale di Fidenza, edificata tra il 1101 e il 1106, proponendo la fronte chiusa tra le due torri, il protiro mediano, i due portali minori ai lati e un tetto a doppio spiovente a vela sulle navate minori. L'apparato scultoreo attribuibile all'Antelami si riscontra nella statua della Madonna col Bambino all'interno della chiesa.Nel 1196, ancora a Parma, progettò e costruì il Battistero in breccia di Verona, con un alto basamento e tre portali decorati. La cupola progettata da Benedetto, ma eseguita cinquant'anni dopo, tiene conto delle nuove esigenze della cultura gotica. Sempre da attribuire alla sua mano è il Fonte Battesimale.

Data dell'ultimo aggiornamento:
13/01/2016